Home > Publications > Bini Tuesday 12 November 2019

Information about this publication:
Inaugurazione dell´Anno Accademico 1999/2000. I-Saluto del Gran Cancelliere

 
 
 
Foto Bini Giacomo , Inaugurazione dell´Anno Accademico 1999/2000. I-Saluto del Gran Cancelliere, in Antonianum, 74/4 (1999) p. 757 .

Carissimo Rettore Magnifico, carissimi Professori e Studenti, il Signore vi dia pace!

Il mio servizio alla Fraternità universale mi impedisce di partecipare all'inaugurazione del nuovo Anno Accademico 1999-2000: sono impegnato in una visita ai Fratelli della Custodia di Terra Santa che lavorano in Libano, Siria e Giordania.  E tuttavia sento forte il desiderio di essere “presente”: non solo con il saluto che vi ha già rivolto Fra José Rodríguez Carballo, Segretario generale per la Formazione e gli Sudi e Delegato del Ministro generale per l'Antonianum, ma anche con un mio breve saluto personale.

Anzitutto vorrei esprimervi il mio sincero ringraziamento, unito a quello di tutto l'Ordine, per il lavoro assiduo e diligente da voi svolto a favore del Pontificio Ateneo Antonianum.  Il "grazie", sincero e doveroso, per quello che voi siete e fate, desidera anche testimoniare il riconoscimento dell'importanza di questo Centro di studi per la vita e la missione del nostro Ordine.  Sono felice di poter assicurare l'impegno comune, soprattutto del Definitorio generale, per la promozione degli studi e di una adeguata formazione culturale nell'Ordine, che passa attraverso il miglioramento dell'immagine e del livello del PAA, come “Studio generale” dell'Ordine in Roma.

Approfitto volentieri di questa circostanza per ricordare quanto affermato dal Capitolo generale di Assisi del 1997: «1 Centri di studio, dove è possibile, siano affiliati al PAA» (Dalla memoria alla profezia.  Orientamenti e proposte, IV.2.4). Mi sembra un invito preciso a fare tutto il possibile per incamminarci decisamente verso una maggiore collaborazione e solidarietà.

Rinnovando ancora una volta la gratitudine e l'apprezzamento per il vostro particolare e delicato servizio alla Fraternità universale nel settore della formazione culturale, termino esortandovi ad aumentare le forme e le occasioni di collaborazione e di lavoro in comune, a partire dalle singole Facoltà.  Sempre, prima di tutto quanto facciamo, la nostra identità è definita dalla nostra vocazione: essere Frati minori.  Fa parte integrante di questa vocazione il vivere e il lavorare in fraternità.  Vale anche per una Sede accademica quanto è detto nella Priorità per il sessennio 1997-2000: «1 Frati si impegnino a costruire una vera e profonda vita fraterna, coltivando i valori umani come il dialogo, la familiarità, l'amicizia reciproca, la cortesia e la disponibilità al servizio» (Il, Proposta 1).

 

 

 



 
 
 
 
 
 
Martín Carbajo Núñez - via Merulana, 124 - 00185 Rome - Italy
This webpage is also available here
Webmaster